La vendita di prodotti nei social media: pianifica la tua strategia

social media

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Come incrementare la vendita tramite i social media? Quale piattaforma scegliere per il proprio business? Quali strategie utilizzare sui social media?

I social media sono strumenti innovativi che, nella società contemporanea, sono entrati a far parte della vita quotidiana. 

Le piattaforme che abbiamo a disposizione possono contribuire in modo decisivo alla creazione di un pubblico di riferimento e all’aumento della brand awareness, incrementando il valore della propria attività. Inoltre, queste piattaforme, grazie agli aggiornamenti continui e alle innovazioni tecnologiche, possono anche essere utilizzati come spazi dove promuovere e vendere prodotti e servizi. 

La vendita non può essere improvvisata anzi, necessita di una programmazione attenta, partendo dalla definizione di due fattori: quali piattaforme social utilizzare e che obiettivi specifici si hanno per ognuna di esse.

In seguito, si dovranno valutare le strategie che si metteranno in atto per raggiungere il proprio target. Questo step è molto importante in quanto ogni social media vede la prevalenza di un certo tipo di pubblico. A seconda di fattori come età, grado di istruzione, nazionalità e tipo di informazioni e contenuti pubblicati o ricercati, ogni piattaforma può essere più o meno indicata per determinate azioni di marketing.

Le metriche e le conversioni, infatti, saranno differenti a seconda del canale scelto. Sarà così necessaria un’analisi accurata di quali social media potrebbero essere i più appropriati rispetto ai propri obiettivi.

Qui di seguito ti propongo una guida alle caratteristiche principali delle piattaforme più popolari in circolazione, in modo da chiarirti le idee su quali potrebbero essere le più vantaggiose per la vendita dei tuoi prodotti o servizi.

Facebook

Facebook è stato uno dei primi social media ad imporsi in modo massiccio a livello globale, contando il numero più vasto di utenti rispetto alle altre piattaforme (quasi 2,6 miliardi di utenti attivi mensili secondo le statistiche dell’anno corrente).

Con un pubblico così ampio, le opportunità per aziende e privati di vendere attraverso Facebook sono considerevoli.

Di seguito, ti svelerò alcuni metodi per vendere su questa piattaforma.

Facebook Shops

Il significativo incremento del numero di aziende e brand che decidono di allargare i propri orizzonti commerciali alla vendita online ha portato alla creazione dei Facebook Shops. Questi sono vetrine digitali del tutto personalizzate rispetto all’utente e di tipo “mobile-first” (ovvero ottimizzate per l’utilizzo da dispositivi mobili). Grazie ai Facebook Shops, le aziende possono facilmente creare un negozio virtuale su Facebook e Instagram.

Attraverso questi Shops, è possibile scegliere gli articoli che si desiderano mettere in evidenza e connettersi con i propri clienti attraverso piattaforme correlate e di proprietà di Facebook, come WhatsApp, Messenger o Instagram Direct Messaging.

Questa interazione con social di natura diversa permette un’estrema flessibilità e comodità nell’interazione con i consumatori.

Per abilitare il proprio negozio Facebook bisognerà effettuare quattro semplici step:

  1. Creare un account indicando il responsabile commerciale;
  2. Creare una raccolta di prodotti che si intendono commercializzare;
  3. Personalizzare la propria vetrina a seconda del proprio target e del tipo di azienda;
  4. Pubblicare il proprio negozio.

Come acquistare un prodotto su Facebook

Facebook dispone di tre modalità di acquisto per i clienti interessati agli articoli presenti nello shop:

  1. Acquisto sul sito web aziendale. I clienti, una volta visto sulla pagina Facebook l’articolo che intendono comprare, cliccando sull’annuncio verranno reindirizzati sul sito web dell’azienda e potranno procedere con l’acquisto.
  2. Acquisto su Facebook. I clienti interessati agli articoli dello shop potranno procedere all’acquisto direttamente sulla piattaforma Facebook.
  3. Acquisto tramite Direct Message. I clienti verranno reindirizzati ad una pagina in cui potranno inviare un messaggio all’azienda (tramite Messenger, Instagram Direct o WhatsApp) e, in seguito, procedere con l’acquisto.

Pubblicità su Facebook

Facebook mette a disposizione una piattaforma pubblicitaria in grado da definire in modo accurato il tipo di pubblico a cui ci si intende riferire. Attraverso questo social media, infatti, è possibile segmentare il proprio target secondo vari fattori:

  1. Età, interessi e geografia;
  2. Pubblico personalizzato, che indirizza la pubblicità verso coloro che hanno già interagito (online e offline) con l’attività;
  3. Pubblico potenziale, target di persone considerate “simili” (rispetto ai fattori elencati) e potenzialmente interessati a ciò che la propria azienda commercializza.

Per ulteriori informazioni sui diversi tipi di pubblico che si possono categorizzare e sui passaggi preliminari per iniziare con la pubblicità su Facebook, puoi consultare le pagine di supporto di Facebook Business o contattare ABComunicazione, agenzia di comunicazione a Bologna.

Instagram

Con oltre un miliardo di utenti mensili e una crescita via via sempre maggiore, Instagram sta progressivamente raggiungendo Facebook in termini di popolarità. Questi numeri in continuo aumento offrono alle aziende e ai brand l’opportunità di sfruttare questa piattaforma come vetrina per la vendita dei propri prodotti e servizi.

Instagram Shopping

Il primo passo sarà quello di impostare il profilo aziendale dalle impostazioni di Instagram, in questo modo sarà possibile:

  1. Tenere traccia dei nuovi follower che si ottengono ogni settimana;
  2. Avere accesso a dati demografici approfonditi sui seguaci come posizione, età e sesso;
  3. Rilevare quante condivisioni sono state effettuate per ciascun post, quali sono gli orari più indicati per pubblicare e quanti utenti hanno visualizzato i post.

La possibilità di vendere su Instagram è stata introdotta solo pochi mesi fa in Italia. Gli utenti sono in grado di fare acquisti sfogliando le foto pubblicate sull’applicazione in base ai brand e influencer seguiti.

Instagram Shopping permette di creare e mettere a disposizione dei propri clienti una vetrina coinvolgente attraverso fotografie e video che catturino l’attenzione degli utenti.

Per accedere allo shop è sufficiente cliccare sulla nuova icona a forma di borsetta che si trova in basso sulla barra di navigazione dell’app, vicina a quella del profilo personale.

In questo modo si aprirà una sezione dedicata all’acquisto di prodotti in linea con i gusti dell’utente. Partendo dall’abbigliamento agli accessori, comprendendo anche prodotti locali e viaggi.

L’obiettivo di Instagram diventa, quindi, creare una sorta di e-commerce mobile connesso all’attività social. Quest’ultimo permette agli algoritmi di personalizzare gli annunci proposti grazie ai dati raccolti dallo studio delle abitudini di consumo degli utenti.

I prodotti che si vedono accedendo alla sezione Shopping, infatti, non sono frutto di un ordinamento casuale. Implicano un’attenta analisi del comportamento dell’utente, da cui si producono dettagliate previsioni su quali prodotti saranno di suo gradimento.

Un’altra funzione prevista da Instagram è quella che permette di condividere i propri prodotti e sponsorizzarli, in modo da mostrarli in primo piano agli utenti tramite post e le storie organiche.

Quando qualcuno tocca il prodotto nella storia, verrà indirizzato ad una pagina di descrizione dove l’utente potrà vedere un’immagine del prodotto, la sua descrizione, il costo e un collegamento al sito web aziendale.

Per ulteriori indicazioni sulla configurazione del tuo negozio Instagram, puoi fare riferimento alle pagine Business di Facebook oppure chiedere aiuto attraverso strumenti specifici integrati nei social media.

Twitter

La vendita su Twitter potrebbe sembrare un’attività poco redditizia rispetto ad altri social media quali Facebook e Instagram. In realtà, anche questa piattaforma potrebbe rivelarsi utile per commercializzare i prodotti e servizi della propria azienda e accrescere la brand awareness. 

Sponsorizzare i tweet e creare annunci

Twitter offre la possibilità di promuovere i propri tweet e creare annunci per le proprie campagne pubblicitarie attraverso la pagina dell’azienda.

Tramite la promozione dei propri tweet, i post verranno visualizzati più facilmente negli stream di Twitter e nei risultati di ricerca di utenti specifici. È bene dunque comprendere al loro interno link diretti alle pagine dei prodotti del proprio sito Web e una pagina di destinazione, in modo che il pubblico possa recuperare velocemente informazioni utili sull’azienda e i suoi prodotti.

Invece, attraverso gli annunci di Twitter, è possibile raggruppare più tweet insieme, in modo da creare una campagna per aumentare il numero dei propri follower, i click sulla propria pagina e sui propri prodotti, le conversioni sul sito Web aziendale o, ancora, raccogliere tutti i feedback dei clienti interessati all’attività. 

Affiliate Marketing

Twitter si configura come una piattaforma utile anche per l’attività di Affiliate Marketing. Con questo termine si intende la promozione e vendita di prodotti di marchi esterni alla propria azienda dentro la propria “nicchia” di pubblico o settore.

Inoltre, la piattaforma risulta utile anche per iniziare la propria attività di affiliazione, in quanto permette di interagire con aziende e marchi che rientrano nel proprio mercato di riferimento e stabilire accordi vantaggiosi per entrambe le parti. Questo approccio risulta particolarmente efficace se si possiedono molte conoscenze nel proprio settore di riferimento o se si ha molto seguito sulla piattaforma.

È importante concentrarsi nella costruzione di connessioni autentiche con le aziende con cui si intende collaborare e con il proprio pubblico. In questo modo si possono fornire servizi realmente interessanti per i propri followers. Spammare inutilmente link di affiliazione può portare ad un risultato completamente opposto rispetto all’obiettivo che si vorrebbe ottenere.

Vendere su Twitter

Nella vendita dei propri prodotti e servizi su Twitter, avere un vasto pubblico di seguaci attivi è una condizione utile nella realizzazione del proprio obiettivo.

Profili curati e interazione costante con i propri follower tramite la pubblicazione quotidiana di contenuti utili e link ai prodotti sono fondamentali per fidelizzare i propri consumatori attivi e potenziali. 

Ovviamente, è bene non eccedere nella pubblicazione di tweet per non infastidire gli utenti e rischiare di fornire informazioni totalmente inutili. Un approccio equilibrato, con la presentazione delle informazioni più pertinenti ed interessanti risulta più efficace sul lungo periodo.

Scegli la piattaforma più adatta al tuo business

Facebook, Twitter e Instagram sono gli unici social media su cui, per ora, è possibile vendere i propri prodotti e servizi. Valutare bene quale piattaforma è più adatta alla propria attività e, in seguito, scegliere quali prodotti mettere sul mercato. La strategia da attuare per la loro sponsorizzazione e vendita sono le azioni che permetteranno di ottenere i risultati migliori. 

Per ulteriori informazioni o per valutare una collaborazione, puoi contattarmi o fissare un incontro presso gli uffici di ABComunicazione, agenzia di comunicazione a Bologna.

Alberto Belli

Alberto Belli

Chief Executive ABComunicazione

Iscriviti alla nostra newsletter

mantieniti sempre aggiornato sui nostri ultimi articoli e progetti

Altro da leggere

email marketing
Digital Marketing

Le 10 migliori soluzioni per l’email marketing

Stai cercando le migliori  piattaforme per l’email marketing? Qui troverai riassunte quelle che offrono opzioni sia gratuite che a pagamento. Dato che molte persone utilizzano

Vuoi portare in vetta il tuo Business?

Contattaci! un team di esperti è pronto ad ascoltare le tue richieste!.